Subscribe to ESN Italia feed
Updated: 1 hour 5 min ago

Section In The Spotlight - ESN Siena GES

Sun, 02/07/2017 - 20:45
Language Undefined

ESN Siena GES è una delle sezioni fondatrici di ESN Italia e il 16 giugno ha deciso di festeggiare i 30 anni del programma Erasmus con un evento.

In questa occasione hanno organizzato una conferenza dove sono stati invitati come relatori chi ha ideato, vissuto e sperimentato l’esperienza Erasmus partendo dalla madre del programma la dottoressa Sofia Corradi, Guido Guidarini il primo freemover pre Erasmus e fondatore della sezione senese, Simone Petricci primo outgoing dell’università di Siena, Gianpiero Petruzziello che ha presenziato gli Stati Generali della Generazione Erasmus e 3 ex presidenti di sezione il dottor Wilmer Mustacciolo (2006), Sergio Piergianni (2015) e Dario Rizzo (2016).

Dopo i saluti istituzionali del Magnifico Rettore si è passati a un momento di confronto tra gli ospiti e la platea composta principalmente da studenti dell’ateneo e studenti Erasmus.

Al termine vi è stata la premiazione del contest fotografico #MySiena e la rispettiva mostra.

Il tutto è stato organizzato dalla sezione, l’Università degli studi di Siena, USiena Alumni, EuropeDirect Siena e U Siena - International Office.

 

ESN Siena GES una delle fondatrici di ESN Italia il 16 giugno ha organizzato una conferenza e un concorso fotografico per festeggiare i 30 anni del programma erasmus.

Alla conferenza hanno partecipato come relatori la dottoressa Sofia Corradi, Simone Petricci primo outgoing dell’università senese e 3 ex presidenti di sezione.

Alla fine del convegno vi è stata la premiazione del contest fotografico #MySiena.

 More information: Facebook ESN Siena GESInstagram ESN Siena GESTwitter ESN Siena GESSito web ESN Siena GES

Andrea Estrafallaces eletto Vicepresidente dell'Assemblea del Forum Nazionale Giovani

Wed, 28/06/2017 - 17:45
Language Undefined

Sabato 10 Giugno 2017 Andrea Estrafallaces, già Youth Officer di Erasmus Student Network Italia e pertanto delegato di ESN Italia presso l'Assemblea del Forum Nazionale dei Giovani, ha fruttuosamente presentato la sua candidatura come Vicepresidente dell'Assemblea.

Lo abbiamo raggiunto e gli abbiamo chiesto come di coniugare il suo impegno con FNG ed ESN.

  • Ciao Andrea! Se dovessi presentarti in poche righe, cosa diresti?
    Andrea: ”Ciao a tutti, se dovessi presentarmi in due righe sicuramente non potrei fare altro che menzionare la mia esperienza Erasmus (Barcellona 2009/2010).
    L' Erasmus è stato uno dei turning point della mia vita e da lì in poi l'esperienza in ESN, contestuale, mi ha reso ciò che sono o almeno spero: aperto, pragmatico, più diplomatico ed internazionale, rispettoso e collaborativo.
    Ho svolto vari ruoli dal 2009 ad oggi, inizialmente sul locale e dal 2012 in poi più sull'ambito nazionale. Adoro il ruolo di Youth Officer che ricopro attualmente, mi permette di rappresentare e allo stesso tempo far conoscere in contesti più istituzionali una realtà attiva, sana e vitale come ESN.”

     
  • Cosa ti ha spinto a candidarti per questa posizione nel Forum Nazionale Giovani?
    Andrea: “Sono state varie le motivazioni che mi hanno spinto a candidarmi a Vicepresidente dell'Assemblea del Forum Nazionale Giovani: tra queste c’è quella di credere di poter dare un personale contributo a questo Forum che è l'organo che più di ogni altro rappresenta i giovani italiani. Come scritto e detto in fase di presentazione della mia candidatura spero che il pragmatismo acquisito in anni di ESN possa aiutare a superare contrapposizione ideologiche e a "progettare" insieme un futuro per le nuove generazioni. Inoltre, non avendo un background partitico, spero di essere il riferimento per tutte quelle associazioni che operano sul territorio a prescindere da una ideologia politica.”
     
  • Quali credi che siano i pro che questo incarico possa portare alla tua esperienza in ESN?
    Andrea: “E' davvero una bella domanda. Sino ad ora mi ero concentrato solo sul mio contributo al FNG e non a cosa io avrei potuto portare ad ESN tramite il mio nuovo incarico.

    PRO
    - Sicuramente è una inversione di tendenza rilevantissima nei rapporti tra FNG e ESN Italia che negli ultimi anni sono stati un po' turbolenti per voler usare un eufemismo. Rappresenta da un lato la fine di un rapporto a tratti conflittuale e dall'altro il primo punto di arrivo di questo nuovo corso.
    - Oltre che instaurare un nuovo corso nelle relazioni tra queste due realtà è, a mio parere, un risultato di assoluto prestigio che la nostra associazione ottiene per la prima volta.
    - Avere una persona costantemente aggiornata sulle dinamiche giovanili nazionali (considerando le attività del FNG potrei dire anche Mondiali) costituisce certamente un plus per la formazione dei nuovi ESNer attraverso le iniziative di cui il FNG è quotidianamente protagonista. È mia ferma intenzione fare di tutto per avvicinare la nostra associazione al FNG tramite il coinvolgimento dei nostri associati più interessati e meritevoli. 
    - Spero di riuscire ad essere artefice del cambiamento di cui ESN è protagonista ormai da anni. Vorrei far sentire a livello istituzionale la nostra voce, sensibilizzando l'opinione pubblica su tematiche a noi care come l'istruzione, l'internazionalizzazione e l'UE.
    Perché se dopo tanti anni di associazionismo attivo c'è qualcosa che mi è veramente chiaro è che, nonostante le mille difficoltà, mi sento di appartenere alla Generazione Erasmus e ne sono fiero.

    Once Erasmus, Always ERASMUS.”

Auguriamo il meglio ad Andrea, affinché possa adempiere al nuovo ruolo con profitto!

More information: Report Assemblea FNG

"Il Tuo Erasmus con ESN" 2017: al via la quinta edizione della Borsa di Studio di ESN Italia

Sat, 24/06/2017 - 16:47
Language Undefined

“Trent’anni di Erasmus hanno fatto generazioni di cittadini europei e dobbiamo investire sulla cittadinanza europea” diceva qualche mese fa Federica Mogherini, Alto Rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, in una delle varie celebrazioni che si sono svolte per i sessant’anni dai Trattati di Roma e i trent’anni del Programma Erasmus+.

È chiaro ormai a tutti, politici e non, che il futuro dell’Europa è nelle mani della generazione Erasmus. Quella generazione che, grazie ai fondi stanziati dall’Unione Europea nell’ambito del Programma Erasmus+, ogni anno viaggia, sperimenta, conosce nuove culture, impara nuove lingue e guarda al futuro dell’Europa come a un’unica grande famiglia. Ed Erasmus Student Network Italia non può esimersi dal far parte di questa grande famiglia di giovani europei che cercano quotidianamente di far sentire la propria voce e abbattere le barriere culturali (e non solo) che dividono ancora i nostri paesi.

Forte di questi valori e per il quinto anno consecutivo, ESN Italia indice, con il patrocinio dell’Agenzia Nazionale Erasmus+/INDIRE, il bando di concorso #IlTuoErasmusConESN con un’importante novità rispetto alle edizioni passate: per celebrare al meglio il trentesimo anniversario del programma e grazie al finanziamento dei partner BPer Banca e Forum Nazionale Giovani, quest’anno aumenta il numero di borse messe in palio: non saranno più 4 dunque ma ben 7 le borse da 500€ l’una destinate ai vincitori del concorso. Come si fa a vincerne una? Semplicemente raccontando questo sentimento europeo e di condivisione che ha spinto i partecipanti a fare domanda per partire, per passare un semestre o un intero anno accademico all’estero, a studiare o lavorare in un altro paese, presso un altro Ateneo, con altri compagni di corso, un altro lavoro e un’altra casa. Un’esperienza temporanea ma che cambia il modo di vedere e vivere il mondo per il resto della vita.

Era possibile leggere questo e molto altro tra le righe degli elaborati degli anni passati. In vita da ormai quattro anni, il progetto di ESN Italia destinato a studenti italiani outgoing vanta ormai infatti più di 4500 partecipanti totali e anche quest’anno si prevedono oltre 1200 partecipanti nei 50 Atenei aderenti all’iniziativa.

Per partecipare basta essere regolarmente iscritti presso uno degli Atenei ove sia presente una sezione locale di ESN Italia aderente al progetto, e che si risulti assegnatari di:

·         una borsa di studio nell’ambito del programma Erasmus+ ai fini di studio, relativa all’anno accademico 2017/2018;

·      una borsa di studio nell’ambito del programma Erasmus+ ai fini di traineeship, relativa all’anno accademico 2016/2017 (purché non abbiano partecipato all’edizione precedente dello stesso bando) o 2017/2018.

Fa fede l’elenco delle sedi di ESN Italia presenti nel modulo di iscrizione, consultabile al seguente link: http://www.esnitalia.org/it/commissioni-e-sedi-di-esame-2017

La domanda di partecipazione al concorso dovrà essere redatta tramite apposito modulo disponibile sul sito di ESN Italia (www.esnitalia.org - sezione “Borsa di studio”) da compilarsi online a partire da martedì 13 giugno 2017 alle ore 14:00 ed entro e non oltre martedì 27 giugno 2017 alle ore 23:59. I suddetti termini sono da intendersi perentori ed essenziali. La prova scritta avverrà martedì 4 luglio in contemporanea in tutte le sedi sul territorio nazionale e non sarà possibile svolgere la prova in modalità diversa da quella indicata dal bando. Per ogni ulteriore informazione, consultare www.esnitalia.org - sezione “Borsa di studio”.

Il progetto di ESN Italia ha come obiettivo primario quello di incentivare gli studenti italiani alla mobilità internazionale e di supportarli durante la stessa. Infatti, insieme al bando di concorso ripartirà anche il progetto #AskErasmus, grazie al quale ESN Italia ha messo in contatto oltre 1.000 studenti italiani in partenza con loro colleghi già stati in Erasmus nelle diverse città di destinazione. Con l’unione di entrambe le iniziative, ESN Italia vuole rendere più facile ed accessibile la partenza per i futuri studenti Erasmus, dando un supporto materiale ed economico a quella che sarà una nuova generazione di giovani cittadini europei.

More information: Bando di concorso Sedi e Commissioni d'Esame

Aiutiamo gli eroi del Portogallo

Tue, 20/06/2017 - 01:19
Language Undefined


In queste ore il Portogallo sta vivendo uno dei più tragici incendi della storia, con più di 60 vittime accertate. ESN Italia, in collaborazione con ESN Portogallo, cerca di aiutare tutte le persone coinvolte e i soccorritori fornendo informazioni riguardo ciò che può essere utile a risolvere questo terribile momento di difficoltà. 


Se vuoi fornire aiuto tramite una donazione economica, gli estremi del conto attivato da Caixa Geral de Depósitos sono:
Unidos por Pedrogão (Uniti per Pedrogão):
Solidarity Account Cash: 0001 100000 330
IBAN PT50 0035 0001 00100000330 42


Se al momento viví o sei in viaggio in Portogallo e vuoi fornire aiuto, puoi inviare in seguenti materiali:
•    Acqua, latte, succhi di frutta e altro cibo (barrette ai cereali, biscotti, frutta, cbo in scatola) preferibilmente in porzioni monodose da fornire ai soccorritori
•    Soluzioni fisiologiche, coperte, cibo (come sopra), acqua, vestiti per i feriti 


…ai seguenti distretti:
•    Vigili del Fuoco di Penela
•    Vigili del Fuoco di Góis
•    Vigili del Fuoco di Miranda do Corvo
•    Vigili del Fuoco di Oliveira do Hospital
•    Vigili del Fuoco di Ansião
•    Vigili del Fuoco di Coimbra
•    Vigili del Fuoco di Coimbra e Lisbona: accettano donazioni di beni che verranno destinate ai distretti più in difficoltà
•    Vigili del Fuoco di Brasfemes
•    Vigili del Fuoco di Condeixa
•    Vigili del Fuoco di Leiria: accettano donazioni di beni che verranno destinate alle zone di Pedrógão Grande (coperte, vestiti, cibo, latte, acqua)
•    Vigili del Fuoco di Alvaiázere
•    Vigili del Fuoco di Marinha Grande e di Vieira de Leiria: accettano cuscini, coperte, lenzuola da consegnare in futuro alle zone di Pedrógão Grande.

 

SUPPORTO MEDICO:
Il centro sanitario di Pedrógão Grande è stato trasformato in un ospedale d’emergenza per curare i feriti dell’incendio. È richiesto l’aiuto di medici professionisti.

 

A NOME DI ESN ITALIA ED ESN PORTOGALLO, GRAZIE A CHIUNQUE DECIDA DI AIUTARE.

-------------------------

 

Portugal is facing one of the most terrifying fires of its history, with more than 60 deaths so far.
ESN Italy, in collaboration with ESN Portugal, is trying to help all people involved in the combat of this fire, mostly the firefighters and the community, by providing information about what they need to fight this horrible fire.


If you feel like getting into this solidarity movement, you can support them by making a donation to the account:


Unidos por Pedrogão
United by Pedrogão:
Solidarity Account Cash: 0001 100000 330
IBAN PT50 0035 0001 00100000330 42


If you are living or travelling in Portugal and if you feel you could help, you can deliver the following items:


•    Water, juice, milk and other foods (cereal bars, cookies, fruit, canned food) are kindly requested, if possible, in small doses / small packages to be distributed by each firefighter;
•    Physiological saline, blankets, food, water, clothes to the people affected by the fire


… at the following fire brigades:
•    Firefighters of Penela
•    Firefighters Volunteers of Góis
•    Firefighters Volunteers of Miranda do Corvo
•    Firefighters Volunteers of Oliveira do Hospital
•    Firefighters Volunteers of Ansião
•    Volunteer Firefighters of Coimbra
•    Firefighters of Coimbra and Lisbon: They accept donations that will then be delivered to the corporations most in need.
•    Volunteer Firefighters of Brasfemes
•    Firefighters of Condeixa
•    Firefighters Volunteers of Leiria: They accept donations that will later be delivered in Pedrógão Grande (blankets and clothes, water, milk, sticks)
•    Firefighters Of Alvaiázere
•    Firefighters Volunteers Marinha Grande and Firefighters Volunteers Vieira de Leiria: They accept pillows, blankets and sheets for later delivery in Pedrógão Grande.


NOTE:
- All the information that can help organise the necessary help will be welcomed;


MEDICAL HELP:
The health centre of Pedrógão Grande was transformed into a hospital centre to treat the wounded and the victims of the fire. They ask for the help of health professionals.


DONATIONS:
Caixa Geral de Depósitos created a solidarity account - United by Pedrogão:
Solidarity Account Cash 0001 100000 330
IBAN PT50 0035 0001 00100000330 42
All the help is welcome! You can also leave supportive messages!
 
Thank you so much for reading this

L'UE celebra i 30 anni del Programma Erasmus+

Tue, 13/06/2017 - 15:33
Language Undefined  

Bruxelles, 13 giugno 2017

In data odierna l'UE celebra i 30 anni di "Erasmus", il suo programma di scambi all'estero che ha coinvolto finora 9 milioni di persone.

Jean-Claude Juncker, Presidente della Commissione europea, e Antonio Tajani, Presidente del Parlamento europeo, presiedono oggi le celebrazioni organizzate per il 30° anniversario del programma Erasmus presso il Parlamento europeo di Strasburgo. Per sottolineare l'occasione, la Commissione vara inoltre la nuova applicazione mobile per il programma Erasmus+. L'app, concepita per gli studenti e per coloro che partecipano a corsi professionali e a scambi di giovani, faciliterà la loro esperienza nell'ambito di Erasmus+.

Il Presidente Jean-Claude Juncker ha dichiarato: "Ogni singolo euro che investiamo in Erasmus+ è un investimento nel futuro: il futuro dei giovani e il futuro del nostro ideale europeo. Non riesco ad immaginare nulla che meriti i nostri investimenti più di questi leader di domani. Mentre celebriamo la novemilionesima persona che ha preso parte al programma dobbiamo fare in modo di essere nove volte più ambiziosi per l'avvenire di Erasmus+."

Tibor Navraciscs, Commissario responsabile per l'Istruzione, la cultura, la gioventù e lo sport, ha dichiarato: "Esattamente come ogni scambio Erasmus+ offre un'esperienza di vita che arricchisce dal punto di vista professionale e personale, così questi 30 anni hanno donato all'Europa una generazione dotata di mentalità aperta e spirito imprenditoriale, 9 milioni di persone che oggi stanno plasmando il futuro della nostra società. Portando Erasmus+ sulla punta delle dita, la nuova app avvicinerà l'Europa ai giovani di tutto il mondo ."

Per un programma destinato a sostenere oltre 4 milioni di persone nelle loro attività di studio, formazione e volontariato all'estero tra il 2014 e il 2020, l'applicazione mobile di Erasmus+ è un miglioramento importante che costituirà una guida per studenti, partecipanti a corsi di formazione e giovani durante tutta la loro esperienza Erasmus+, contribuendo così a rendere il programma maggiormente inclusivo ed accessibile a tutti. La Commissione si impegna fermamente a costruire il futuro di Erasmus+ oltre il 2020 insieme alla generazione Erasmus per rafforzare il programma e garantire che raggiunga una cerchia di giovani ancora più vasta.

L'applicazione mobile di Erasmus+ consentirà ai partecipanti di:

  • verificare agevolmente i progressi conseguiti nelle varie tappe amministrative prima, durante e dopo il loro soggiorno all'estero. Grazie all'app gli studenti saranno anche in grado di approvare e firmare online le loro convenzioni di studio con le università di origine e di accoglienza;
  • condividere e votare i consigli migliori per aiutare altre persone ad integrarsi nella comunità locale e
  • migliorare le loro conoscenze linguistiche mediante un link diretto alla Erasmus+ Online Linguistic Support platform (piattaforma di sostegno linguistico online di Erasmus+), che offre corsi online con insegnante e tutoraggio interattivo.

La prima versione dell'app è già disponibile per iOS e Android. Nuovi elementi e aggiornamenti costanti consentiranno a breve di estenderla ad altri gruppi di partecipanti ad Erasmus+ e faranno in modo che l'app soddisfi le esigenze future della generazione Erasmus+.

Dal 1987, anno di nascita del programma Erasmus originale, 9 milioni di persone hanno già beneficiato di uno scambio all'estero. Nel corso della celebrazione odierna a Strasburgo i Presidenti del Parlamento europeo e della Commissione consegneranno un premio simbolico per il "novemilionesimo partecipante ad Erasmus" a 33 rappresentanti della generazione Erasmus+, uno per ogni paese europeo che aderisce al programma. Alla cerimonia di premiazione seguiranno dibattiti sul futuro del programma Erasmus+ oltre il 2020, animati da giovani, partecipanti ad Erasmus+ ed organizzazioni Erasmus+, ONG, membri del Parlamento europeo nonché attuali ed ex membri della Commissione europea, tra cui coloro che hanno contribuito alla creazione del programma Erasmus originale.

Contesto

Dal suo avvio nel 1987, con la partecipazione di 11 paesi e 3 200 studenti, Erasmus ha offerto a 9 milioni di persone l'opportunità di studiare, formarsi, partecipare ad attività di volontariato o acquisire esperienza professionale all'estero. Nel 2014 è stato creato il programma Erasmus+, che riunisce in un unico ambito UE tutte le iniziative adottate nei settori dell'istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport. Con 33 paesi europei che attualmente partecipano al programma (tutti e 28 gli Stati membri dell'UE più la Turchia, l'ex Repubblica jugoslava di Macedonia, la Norvegia, l'Islanda e il Liechtenstein), in meno di tre anni oltre 2 milioni di persone hanno potuto beneficiare di un'esperienza Erasmus+.

Per coinvolgere la generazione Erasmus+ nell'ideare il futuro del programma, la Commissione ha lanciato il Punto d'incontro online della generazione Erasmus+, un sito web che offre ai giovani e alle organizzazioni l'opportunità di avviare dibattiti con esperti nei settori della gioventù, dell'istruzione e della formazione, di proporre temi di discussione, individuare problemi e presentare soluzioni. La nuova app integra tali iniziative.

Per ulteriori informazioni
Erasmus+ App

Dichiarazione del Presidente Juncker

Anniversario di Erasmus+

Video Erasmus+

Calendario degli eventi celebrativi di Erasmus

#ErasmusUpgrade - Fai sentire la tua voce!

Tue, 06/06/2017 - 02:23
Language Undefined

DI COSA SI TRATTA?

Finanziato da un bando Erasmus+ KA3, #ErasmusUpgrade un progetto di Erasmus Student Network che ha come obiettivo il coinvolgimento degli studenti nella creazione di un documento con suggerimenti utili riguardo il Programma Erasmus+ e la mobilità studentesca.

 

PERCHÉ È IMPORTANTE?

È fondamentale nelle celebrazioni dei 30 anni dell’Erasmus in quanto è un modo per capire come migliorare il Programma nei prossimi anni. È, inoltre, uno strumento per le sezioni ESN e gli studenti per entrare nell’ampio bacino dei policy influencer.

 

COME SUPPORTARE IL PROGETTO?

L’obiettivo è raccogliere quante più impressioni ed idee possibili attraverso un QUESTIONARIO. Il target di riferimento è costituito dagli studenti Erasmus sia presenti che passati.

 

Deadline per la compilazione: 11 Giugno h 23.58

 

More information: Questionario

Section In The Spotlight - ESN L'Aquila - Aquilasmus

Mon, 05/06/2017 - 01:34
Language Undefined

​Questo mese sotto i riflettori di Section in the Spotlight abbiamo ESN L’Aquila – Aquilasmus! In occasione dei trent’anni del progetto Erasmus ESN L’Aquila ha organizzato una serie di eventi per festeggiare questo anniversario cercando di incentivare i programmi di scambio e illustrando i vantaggi che l’interculturalità può portare alla realtà cittadina e al territorio provinciale. Gli incontri si sono svolti nel mese di Maggio e sono stati organizzati collaborando con molti enti tra cui: Le sezioni abruzzesi del network, il conservatorio Alfredo Casella, l’Accademia di belle arti della città e il CSC sede Abruzzo.

Aquilasmus è stata creata nel 2007 da un gruppo di ragazzi che hanno deciso di dedicare il proprio tempo libero al volontariato ed agli studenti stranieri presenti nella città di L’Aquila. La sezione è ufficialmente parte di ESN Italia dal Dicembre 2007, durante la V Piattaforma Nazionale 2007 di ESN Italia che si è svolta a Camerino, ed a partire da allora è conosciuta con il nome di Aquilasmus - ESN L’Aquila.

Suo obiettivo principale è quello di fornire aiuto e sostegno a tutti gli studenti internazionali dell’Ateneo , dell’Accademia di Belle Arti e del Conservatorio “A. Casella”, lavorando in stretta collaborazione con l’Ufficio Relazioni Internazionali e con tutte le istituzioni universitarie in generale. Aquilasmus - ESN L’Aquila è da subito stata in grado di instaurare un ottimo rapporto con l’Università degli Studi di L’Aquila che ha immediatamente riconosciuto la sua attività e l’importanza della sua presenza sul territorio.
Nel 2012 l’Università dell’Aquila ha riorganizzato le proprie strutture didattiche e di ricerca. Sono stati istituiti sette dipartimenti che promuovono, coordinano e organizzano le attività di ricerca scientifica e le attività didattiche e di formazione: Dipartimento di Ingegneria civile, edile - architettura, ambientale, Dipartimento di Ingegneria e scienze dell'informazione e matematica, Dipartimento di Ingegneria industriale e dell'informazione e di economia, Dipartimento di Medicina clinica, sanità pubblica, scienze della vita e dell'ambiente, Dipartimento di Scienze cliniche applicate e biotecnologiche, Dipartimento di Scienze fisiche e chimiche, Dipartimento di Scienze umane.

Ogni anno Aquilasmus - ESN L’Aquila può vantare l’iscrizione di centinaia di studenti stranieri e di altrettanti studenti italiani provenienti da tutte queste facoltà ed interessati alle nostre attività: a tal riguardo, la sezione si è sempre preoccupata di dare grande rilievo alle attività socio-culturali, come ad esempio viaggi in tutta Italia, giornate di benvenuto per facilitare la socializzazione, e la dal 2013 attraverso il progetto “Abruzzo in Love” l’Associazione si è posta l’obiettivo di far conoscere il territorio, la cultura e le tradizioni della provincia aquilana.

 

 

More information: Facebook ESN L'Aquila - AquilasmusInstagram ESN L'Aquila - AquilasmusTwitter ESN L'Aquila - AquilasmusSito Web ESN L'Aquila - Aquilasmus

Carta della Generazione Erasmus

Thu, 18/05/2017 - 19:32
Language Undefined

Avviare un dialogo tra decisori politici, studenti e partecipanti al Programma Erasmus per dare un nuovo impulso all’Europa di domani. Con questo obiettivo si è svolta a Firenze, nel Salone de’ Cinquecento in Palazzo Vecchio, la conferenza “Erasmus+ e il futuro dell’Europa”.

L’evento è inserito nell’ambito delle celebrazioni organizzate dal 7 al 9 maggio nel capoluogo toscano dalle Agenzie nazionali Erasmus+ IndireInapp e ANG per i trenta anni dalla nascita di Erasmus. Presenti, tra gli altri, la Ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, il Sottosegretario con delega alle Politiche e agli Affari europei, Sandro Gozi, e il Sottosegretario al Ministero del Lavoro, Luigi Bobba.

I rappresentanti di Indire, garagErasmus ed Erasmus Student Network Italia hanno consegnato ai decisori politici la Carta della Generazione Erasmus, il documento politico-culturale elaborato da studenti ed ex partecipanti al Programma nell’ambito degli Stati Generali della Generazione Erasmus.

La Ministra Valeria Fedeli, intervenuta nel corso della Conferenza, ha dichiarato «È un impegno del governo leggere ed attuare quanto scritto nella Carta della Generazione Erasmus. Ringrazio tutti quelli che hanno contribuito in trent’anni a rafforzare l’Erasmus. Credo sia importante continuare su questa strada ed estendere l’esperienza dell’Erasmus sempre di più alle ragazze e ai ragazzi che non hanno risorse economiche per poter partecipare. Dobbiamo impegnarci su questo nel corso del prossimo Consiglio dell’Istruzione a livello europeo. Bisogna strutturare la possibilità di fare Erasmus anche alle scuole superiori – ha aggiunto la Ministra – e, altrettanto importante soprattutto per le novità che abbiamo messo in campo in Italia con le esperienze di alternanza scuola lavoro, attivare scambi professionali dentro il programma Erasmus. Dobbiamo lavorare perché quando le ragazze e i ragazzi partano per l’Erasmus si trovino sempre in condizioni di sicurezza e soprattutto dobbiamo impegnarci per immettere nei percorsi formativi scolastici l’educazione europea, la conoscenza della storia dell’Europa».

Con uno sguardo rivolto all’Europa, il Sottosegretario Sandro Gozi, ha aggiunto: «L’Europa è la sua storia, il suoi valori, la fatica di tanti per raggiungere le conquiste che oggi a molti sembrano scontate. Ma è anche un fantastico moltiplicatore di opportunità e il miglior antidoto ai populismi. L’Europa è il futuro, i giovani, la possibilità di viaggiare e imparare lingue e culture diverse. È per questo che oggi la festeggiamo nel modo migliore celebrando i 30 anni del programma Erasmus. Oggi dobbiamo dire grazie all’Europa perché grazie ad essa, dopo due guerre mondiali, abbiamo avuto sessant’anni di pace e prosperità: siamo passati dalla generazione Auschwitz alla generazione Erasmus. Essendo l’Erasmus lo strumento migliore per creare una generazione di cittadini europei bisognerebbe estenderlo anche oltre l’ambito universitario».

Il Direttore dell’Agenzia nazionale Erasmus+ Indire, Flaminio Galli, intervenuto nel corso della tavola rotonda, ha dichiarato: «La consegna della Carta ai decisori politici al Festival d’Europa conclude un percorso iniziato tre mesi fa a Roma, quando la nostra Agenzia, insieme a ESN e garagErasmus, ha invitato gli studenti della Generazione Erasmus a immaginare un futuro diverso per l’Europa. Siamo orgogliosi di aver favorito questo cammino, nella speranza che la Carta della Generazione Erasmus possa diventare un punto di riferimento per giovani, cittadini e istituzioni, contribuendo alla costruzione di un’Europa più unita e integrata».

More information: Scarica la Carta della Generazione ErasmusScarica la Locandina della Generazione Erasmus

Festival d’Europa 2017

Thu, 04/05/2017 - 03:35
Language Undefined

Festival d’Europa 2017: festeggiamo insieme i 30 anni del Programma Erasmus+ a Firenze!

Dal 7 al 9 maggio Firenze ospiterà la quarta edizione del Festival d’Europa. Ancora una volta, infatti, la città si trasformerà in un melting pot europeo per celebrare e promuovere l’internazionalizzazione. Per questa edizione in particolare l’evento, suddiviso in tre giornate, si articolerà in attività di diverso genere programmate per festeggiare i trent’anni del programma Erasmus+, elemento fondamentale nella nascita di un’identità sovranazionale e nella formazione delle nuove generazioni di cittadini europei.

I saluti istituzionali da parte delle tre Agenzie Nazionali Erasmus+ organizzatrici (INDIRE, INAPP e ANG), previsti per domenica 7 maggio, daranno ufficialmente il via alla manifestazione. A seguire il concerto inaugurale della prima Orchestra Erasmus, composta da quaranta studenti Erasmus provenienti da 18 Conservatori nazionali, che si esibirà per la prima volta in memoria delle tredici studentesse vittime del tragico incidente avvenuto in Spagna un anno fa.

Nei giorni successivi si susseguiranno momenti di informazione e formazione per gli studenti e i cittadini i quali potranno accedere a seminari e workshop tenuti dall’Agenzia Erasmus+ INDIRE. Le tematiche affrontate nei workshop riguarderanno principalmente l’apporto del programma Erasmus+ al sistema scolastico. Se da un lato ci si interrogherà su che tipo di innovazione esso può portare negli istituti scolastici, da un altro verrà introdotto e spiegato il sistema di eTwinning nella scuola dell’infanzia. I partecipanti avranno inoltre la possibilità di prender parte a un seminario introduttivo sulla piattaforma EPALE (Electronic Platform for Adult Learning in Europe) trattando due temi centrali quali l’educazione dei migranti e la riforma dell’istruzione degli adulti.

Evento conclusivo dei tre giorni sarà una conferenza dal titolo “Erasmus+ e il futuro dell’Europa” che vedrà in programma la consegna del Manifesto della Generazione Erasmus alla Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli e al Sottosegretario Sandro Gozi. Il documento, elaborato da 200 studenti ed ex studenti Erasmus, ha come obiettivo l’analisi del ruolo del programma di mobilità studentesca nel contesto europeo, di cui intende evidenziare possibili prospettive future. Nel pomeriggio, inoltre, è previsto un evento “a sorpresa” in Piazza SS. Annunziata. Dress code per il flash mob: maglietta blu per riempire la piazza con i colori dell’Unione europea.

Ed è con grande onore che ESN Florentia accompagnerà lo svolgimento della manifestazione con le proprie attività destinate agli studenti Erasmus. I volontari della sezione fiorentina contribuiranno infatti ai festeggiamenti per la Festa dell’Europa con un torneo sportivo (Florence International Cup), patrocinato dal comune di Firenze, che prevede la partecipazione di studenti Erasmus provenienti da tutta Italia e con un pomeriggio creativo organizzato in collaborazione con altre realtà cittadine il cui obiettivo è raccontare il programma Erasmus in maniera ludica ed interattiva.

Qualora vi troviate in Toscana questo weekend, non perdete il ricco programma che la città di Firenze ha ideato per festeggiare l’Erasmus, il cuore della nostra Europa.

Section In The Spotlight - ESN Palermo

Wed, 03/05/2017 - 04:34
Language Undefined

Questo mese sotto i riflettori di Section in the Spotlight abbiamo ESN Palermo con il progetto “Share a smile with kids”! In occasione della Social Week, la sezione palermitana ha organizzato una donazione di giocattoli ai bambini di alcune case famiglia che hanno così avuto modo di venire in contatto con il fantastico mondo Erasmus.
La collaborazione di ESN Palermo con l’Associazione locale Panagiotis ha fatto sì che gli studenti Erasmus trascorressero una giornata all’insegna del volontariato e del divertimento, donando un sincero e contagioso sorriso a coloro che ne hanno maggiormente bisogno, i bambini delle case famiglia.

ESN Palermo nasce circa 10 anni fa e la media annuale dei suoi soci è di circa 200 membri, di cui 150 studenti erasmus.

Punto di riferimento per ogni studente straniero, l’organizzazione offre ai suoi tesserati servizi quali pick-up, housing, tandem, visite guidate della città, serate a tema, escursioni per l’isola e viaggi in giro per l’Italia. Tra gli appuntamenti annuali ricordiamo: ICE, Sunweek. Punta di diamante degli eventi ESN sono indubbiamente le sue incredibili feste a tema: tra curiosi travestimenti, balli in  maschera e animazione folle, ESN colora la città con le serate più attese di Palermo!

More information: Facebook ESN PalermoInstagram ESN PalermoTwitter ESN Palermo

I risultati dell'Eurobarometro 2017

Tue, 02/05/2017 - 16:32
Language Undefined

Positiva l’appartenenza all’Ue per un maggior numero di cittadini europei, dice l’ultimo Eurobarometro
Gli intervistati italiani chiedono più interventi dell’Ue su migrazione, sicurezza e difesa, economia e agricoltura

·         Cresce il sostegno all’Ue;

·         La maggior parte degli europei preferisce una risposta comune alle sfide globali rispetto a una risposta nazionale;

·         Tre europei su quattro vogliono che l’Ue faccia di più in materia di lotta al terrorismo, misure contro la disoccupazione, contrasto all’evasione fiscale e protezione dell’ambiente.

Secondo un numero crescente di cittadini europei, appartenere all’Ue è una cosa positiva. Questo il dato che emerge dall’ultimo Eurobarometro pubblicato dal Parlamento europeo. In pratica, l’attaccamento all’Unione europea ha raggiunto nuovamente i livelli pre-crisi registrati nel 2007.

Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha dichiarato: “I risultati dell’ultimo sondaggio sull’attitudine dei cittadini europei nei confronti dell’Ue sono, per la prima volta dall’inizio della crisi economica nel 2007, molto incoraggianti. Tali risultati dimostrano che gli europei vogliono che l’Ue risponda con una voce sola ai timori e alle turbolenze internazionali che hanno reso il mondo in cui viviamo più incerto e pericoloso. Sta a noi leader politici dimostrare che hanno ragione a riporre in noi la loro fiducia. Dobbiamo, con il nostro lavoro quotidiano e con le nostre decisioni, convincerli che l’Unione europea può sia proteggerli che rendere la loro vita migliore”.

Dichiarazione video del Presidente Tajani

Per l’Italia, pur sotto la media UE, si registra un aumento di risposte positive sull’attaccamento all’Unione, con 7 punti percentuali in più rispetto all’anno scorso (48%).

L’Eurobarometro, commissionato dal Parlamento europeo e pubblicato giovedì, mostra come essere membri dell’Ue sia una cosa positiva per il 57% degli europei (+4% rispetto all’ultimo sondaggio di settembre 2016 e quasi allo stesso livello del 2007, quando a esprimersi positivamente erano stati il 58% degli intervistati).
Le percentuali variano significativamente da paese a paese.

C’è bisogno di più Europa per combattere terrorismo, disoccupazione ed evasione fiscale

Reagire con una risposta comune europea ai recenti eventi geopolitici globali come la crescente instabilità nei paesi arabi, la sempre maggiore influenza della Russia e della Cina, la Brexit e l’elezione di Donald Trump è più auspicabile che avere una reazione paese per paese per una percentuale di intervistati che, in alcuni casi, si attesta fino al 73%.

La maggioranza dei cittadini europei vuole che l’Ue faccia di più per rispondere a sfide quali la lotta al terrorismo (80%) e alla disoccupazione (78%), la protezione dell’ambiente (75%) e il contrasto all’evasione fiscale (74%).

Secondo una larga maggioranza degli intervistati italiani, invece, ci sarebbe bisogno di un maggior intervento da parte dell’Unione europea su migrazione (80%), politica di sicurezza e difesa (74%), politica economica (68%), agricoltura (65%) e politica industriale (64%).

Essere ascoltati a livello europeo e nazionale

Il 43% degli europei pensa che la propria voce conti a livello di Ue, un record dal 2007 a oggi, e 6 punti percentuali in più rispetto al 2016. Se invece si analizza quanto gli intervistati pensino che la propria voce conti nel proprio paese, sei europei su dieci rispondono positivamente (più 10% rispetto allo scorso anno).

In Italia, solo il 36% degli intervistati ha risposto positivamente, al di sotto della media EU, ma con 11 punti percentuali in più rispetto all’anno passato.

Disuguaglianza sociale

Infine, la stragrande maggioranza degli europei pensa che le diseguaglianze fra classi sociali siano significative e un terzo degli intervistati dubita che riusciremo a lasciarci la crisi alle spalle nei prossimi anni.

More information: Clicca qui per leggere l’Eurobarometro completo.Clicca qui per la scheda sull’Italia.

AGM Germany 2017

Tue, 18/04/2017 - 11:35
Language Italian

 

Dal 20 al 24 Aprile 2017, Berlino ospiterà l’Annual General Meeting di Erasmus Student Network, il più grande e più importante meeting annuale del Network.

L’evento è organizzato ogni anno da Erasmus Student Network. Come rappresentazione de-facto della generazione Erasmus, l'AGM è la più grande assemblea di giovani studenti Europei, e riunisce ogni anno oltre 700 volontari interessati al tema della mobilità. Organizzata da membri di sezioni locali provenienti da Germania e Francia, il prestigioso evento quest’anno si terrà a Berlino, trasformando la città in una vera e propria “capitale Erasmus” per quattro giorni.

AGM Germany 2017 porta con sé un significato speciale, in concomitanza con il  Trentesimo Anniversario del Programma Erasmus. Come riconoscimento di questa importante occasione, verrà organizzato un tavolo di discussione col tema “da Estranei ad Amici: tre decenni di Mobilità Erasmus”. Il tavolo verrà aperto al pubblico e toccherà tematiche come le ragioni del successo dell’Erasmus e le aspettative degli studenti circa il suo futuro.

E le sorprese non finiscono qui: in occasione dell'AGM si terrà anche una Fiera della Mobilità, dove studenti rappresentanti di centinaia di Università Europee, assieme a compagnie come il Deutsche Börse Group, saranno presenti per esporre opportunità di lavoro, tirocinio e studio all’estero. La fiera avrà luogo dalle 11:00 alle 17:00 di venerdì 21 all’Henry Ford Building della Freie Universität Berlin. Tutti gli studenti locali ed internazionali e gli alunni sono invitati.

Il Segretario di Stato per la Scienza e la Ricerca di Berlino e patrocinatore dell'AGM tedesca, Steffen Krach, dice dell’AGM:

“L'idea di un'Europa unita deve venire dalle sue genti. Deve avvicinarle. Ed è questo che fa l'Erasmus, in maniera ideale.”

Segui gli hashtags #AGMgermany#THISisESN e scopri di più sulle pagine Facebook dell’evento e di ESN Italia e sul profilo ufficiale Twitter

National Erasmus Games 2017: la quarta edizione dei giochi sportivi si svolgerà a Cagliari

Wed, 05/04/2017 - 13:28
Language Italian

Dal 6 al 9 Aprile 2017 Cagliari ospiterà la quarta edizione dei National Erasmus Games

I National Erasmus Games sono un evento sportivo a carattere nazionale che Erasmus Student Network Italia promuove ogni anno ed organizza assieme alle sezioni. Quest’anno sarà ESN Cagliari a collaborare all’organizzazione dell’evento, che vedrà partecipare circa 400 studenti di mobilità studio provenienti da 23 città italiane. Conosciuti anche come Olimpiadi Erasmus, i NEG sono studiati affinché gli studenti provenienti da tutta Italia si sfidino in diverse competizioni; Ciò che rende l'iniziativa originale è il fatto che i giovani atleti non rappresentano la loro nazione di provenienza, bensì vestono i colori della città che li ospita durante il loro periodo di mobilità. Quest’anno gli sport in cui gli studenti atleti si sfideranno saranno calcio a 5, basket 3vs3, pallavolo e tennis.
 

Anche per questa edizione, i National Erasmus Games godranno del patrocinio del Comitato Olimpico Nazionale Italiano e dell’Agenzia Nazionale per i Giovani e, per la prima volta, l’evento si svolgerà sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo, un traguardo straordinario per l'associazione e un momento fondamentale nella costruzione del dialogo con le istituzioni. Fin dai suoi albori, Erasmus Student Network Italia ha rivolto l’attenzione all’organizzazione progetti sportivi, raccogliendo l'invito dell'Unione Europea che ha inserito tra gli obiettivi del nuovo programma Erasmus+ la promozione dello sport di base. Avere il patrocinio del Parlamento Europeo rappresenta un risultato tangibile degli sforzi di ESN Italia e un segno della volontà della più alta istituzione europea di promuovere lo sport come momento importante d’integrazione sociale e culturale. “Lo sport è parte del patrimonio di ogni uomo e di ogni donna e la sua assenza non potrà mai essere compensata” disse Pierre de Coubertin, e su questo pensiero si fondò l'idea che portò alla nascita dei Giochi Olimpici dell'era moderna.

Erasmus Student Network fa suo il messaggio del barone francese e lo spirito olimpico, prevedendo anche la partecipazione degli atleti di Special Olympics: un'iniziativa svolta nell'ambito del progetto internazionale ExchangeAbility, con cui il network nazionale afferma e dimostra, ancora una volta, che lo sport è di tutti e per tutti.
Ma non è tutto: verrà implementato anche un altro progetto internazionale, SocialErasmus, attraverso la raccolta differenziata delle bottiglie per la sensibilizzazione verso il rispetto dell’ambiente.

La Conferenza di Apertura dell’evento si svolgerà presso l’Aula Magna della Facoltà di Architettura giovedì 6 aprile dalle ore 15:30 e vi parteciperanno gli studenti, il Comitato Organizzatore, parte del Consiglio Direttivo di Erasmus Student Network Italia, l’Università degli Studi di Cagliari e le Istituzioni Cittadine: non mancheranno le celebrazioni per i 30 anni del Progetto Erasmus+ e, inoltre, verrà presentata Cagliari Città Europea dello Sport 2017.

Durante la mattinata di venerdì 7 aprile si svolgerà la Cerimonia di Apertura presso il CUS attraverso la presentazione e la parata delle squadre partecipanti che porteranno il proprio saluto all’Università di Cagliari e alle Istituzioni Cittadine prima di iniziare le competizioni.
Le partite e le gare si svolgeranno presso le strutture del CUS che ha dato il suo pieno appoggio logistico e istituzionale.. Nel corso delle giornate e, tra una gara e l’altra, saranno allestiti punti di intrattenimento e organizzati giochi per gli studenti tifosi al seguito delle proprie squadre e da tutta Italia sarà possibile seguire le gare e le rubriche sportive e di intrattenimento curate dai nostri cronisti tramite la diretta di Radio ESN Italia. Sarà inoltre possibile seguire l'evento live sui social network e sulla fanpage ufficiale dell’evento, ESN Italia – National Erasmus Games.

L’evento sarà organizzato con la collaborazione ed il patrocinio dell’Università degli Studi di Cagliari, del Comune di Cagliari, della Regione Autonoma della Sardegna, del CUS di Cagliari, di Cagliari Capitale Europea dello Sport 2017, del CONI, dell’Agenzia Nazionale Giovani, dell’Istituto Nazionale per l'Analisi delle Politiche Pubbliche, di INDIRE, di I.S.M.O.K.A., di LILA Cagliari, della Commissione Europea e, per la prima volta, sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo. L’evento rientra, inoltre, nel progetto CREA Summer Academy.
Supporteranno lo svolgimento dell’evento anche Ateneika, CSEN, Directa Sport, Herbalife, LetsDoEat, Tema Service Copy e Top Spin Cagliari.

 

More information: #NEG2017 - Cagliari | Promo